URBEX

Share on facebook
Facebook
Share on email
Email
Share on print
Print

Si viaggia per visitare e conoscere. Sempre per scoprire cosa succede nel mondo.

Ma a casa nostra conosciamo tutto quello che si può visitare?

Da un po’ di tempo avevo la passione dei luoghi abbandonati, e in nei miei viaggi sono sempre andato alla scoperta di questi luoghi isolati, in decadenza.

Così in questo periodo, dato che sono ancora qui a Torino, mi sono sono chiesto se conoscevo bene la mia città. Con molta calma ho iniziato a  visitare un po’ di fabbriche abbandonate. Molte sono pericolanti e non è possibile accedervi.  Ad esempio a Santhià esiste un enorme deposito di vagoni e locomotive abbandonate. Non si può ottenere nessun permesso in quanto si tratta di un deposito ferroviario fallito tantissimi anni fa e ancora a oggi in liquidazione.

Ma la scorsa settimana, mentre ero al Toolbox per i TDD ho visto due enormi capannoni, e qualcuno che ci entrava dentro. L’ho seguito e ho trovato la strada per entrare nella vecchia fabbrica che da tantissimi anni è chiusa. Anche questa è sita accanto alla ex palestra di Torino Sport City (chiusa anche questa una decina di anni fa… un peccato!)

Dopo la veloce ricognizione della scorsa settimana sono ritornato per uno shooting fotografico.

 E’ stato molto simpatico, in quanto la location era perfetta, ho portato delle luci da studio, data la vastità dei locali, ma ho anche scattato in luce naturale in quanto ci sono tante stanze e finestre, la luce alla mattina arrivava in modo perfetto, quindi fare ottime foto non è stato difficile.

Oggi sono passato alle 9 nel fabbricato di fronte. Questa però è abitata da parecchia gente, così ho cercato di non disturbare. Ho trovato la strada per la sezione centrale, dove ci sono ampi spazi. In ogni caso la fabbrica non è chiusa e sulla parte laterale ce una porta sempre aperta che facilita l’entrata.

Per informazioni scrivetemi : info@phototravelling.it

Lascia un commento