JIMMY NELSON

Share on facebook
Facebook
Share on email
Email
Share on print
Print

Lo scorso anno mentre ero in Libreria per un regalo mi sono imbattuto in un libro di fotografia: BEFORE THEY PASS AWAY di Jimmy Nelson. Mi ha colpito la mole del libro e così l’ho sfogliato… e poi comperato.

Ho scoperto in un solo momento un viaggiatore, un fotografo, una persona che passa il suo tempo a far conoscere culture e popolazioni a noi SCONOSCIUTE. Ma non solo, con la sua fondazione riutilizza parte dei ricavati dei libri e del suo lavoro per sostenere queste popolazioni. Organizza dei viaggi di lavoro fotografici per chi vuole aiutare e conoscere, in modo da sensibilizzare il mondo ai problemi delle popolazioni più remote nel nostro mondo.

Jimmy-Nelson-portrait_2-831x1024 JIMMY NELSON

FONDAZIONE JIMMY NELSON

Il mio sogno è che l’arte che creo alla fine sosterrà le comunità che ho visitato, attraverso orgoglio e rispetto reciproci. Ciò sarà ottenuto restituendo il contenuto che ho creato ai proprietari originali e consentendo loro di presentarlo alle generazioni future.

6810-1-di-1-2 JIMMY NELSON

Per la parte fotografica non ho parole da aggiungere perché le foto parlano da sole. Foto perfette di grande impatto. Ogni foto rende perfettamente la location in cui sono scattare e la luce e la cura del dettaglio è perfetta. Le espressioni sui visi ti portano in quei luoghi.

Sicuramente aver avuto un padre geologo che girava tutto il mondo lo ha aiutato ad essere un nomade del mondo.  Da giocane fotografo ha iniziato con il foto giornalismo e la documentazione della guerra. Poi verso il 2000 è iniziata la sua vera storia fotografica

Con la pubblicazione del primo libro Before They Pass Away nel 2013. Grazie al suo titolo molto controverso, il progetto ha ottenuto un’attenzione senza precedenti a livello mondiale, che ha lo ha spinto con una  nuovo squadra a iniziare a condividere questa discussione culturale. 

Tratto Jimmy Nelson Foundation

“Nei prossimi anni vorremmo concentrarci sul sostegno alle comunità, attraverso la collaborazione con esse, per poter trasmettere il loro patrimonio. Dato che non possiamo disattivare i nostri quadri acquisiti della società, è molto importante per noi che questi progetti siano in simbiosi con le comunità e, se possibile, anche avviati dalla stessa comunità”.

“I progetti di sensibilizzazione invieranno squadre di volontari, nella maggior parte dei casi anche località in cui è stato Jimmy Nelson, a ricercare insieme alle comunità come possiamo lavorare al meglio insieme. Ciò costituirà una base per indagare ulteriormente e collaborare con la comunità su come realizzare questi progetti di reciprocità. La Jimmy Nelson Foundation può quindi gestire le esigenze finanziarie / produttive e infine misurarne l’impatto tornando con i volontari che documenteranno l’effetto sia visivamente che testualmente.”

Certamente Jimmy non è un singolo fotografo che viaggia con una Dslr, ma è coadiuvato da uno staff che passa anche un mese in quella location per un servizio fotografico. Si muove con tutti i mezzi e su Instagram lo seguiamo perché su molte foto commenta le nuove esperienze, come e dove di trova e quali sono le difficoltà che incontra

Questo fotografo è il nostro mito, il nostro sogno di vita. Il suo stile di vita e di lavoro è un esempio del vero VIAGGIATORE

https://www.jimmynelson.com/
https://www.jimmynelson.com/foundation
https://www.instagram.com/jimmynelsonphotos/

Da seguire anche Stephanie van der Wiel su https://www.instagram.com/stephanievdwiel/

Filmographer, interviewer, producer @jimmy.nelson.official
Ex-lawyer. Visiting indigenous cultures worldwide

Tutte le foto e citazioni sono tratte dai siti www.jimmynelson.com e jimmynelsonfoundation.com e tradotta dall’originale non Google traslate.

Lascia un commento