Quando non sei un fotografo naturalista.

Share on facebook
Facebook
Share on email
Email
Share on print
Print

Quando non sei un fotografo naturalista, ma il viaggio ti porta in luoghi con gli animali in libertà….

Quando sentiamo la parola Natura o fotografia Naturalistica pensiamo subito ad ampi spazi, all’Africa e i suoi Parchi. Branchi di elefanti zebre e Leoni che tranquillamente vagano per la savana.

Ci immaginiamo di essere su una jeep con un ranger e 2 macchine fotografiche al collo con mega obiettivi, magari camuffati per non essere visti dagli animali.

Vero?

Spesso ci dimentichiamo che anche attorno a casa nostra ci sono dei parchi altrettanto belli e vari, con Cervi, Orsi, marmotte.

Però spesso da noi la fatica di alzarsi molto presto alla mattina e camminare tutto il giorno con svariati chili di attrezzatura ci fa desistere molto in fretta. E pensare che ci sono moltissimi fotografi naturalisti lì fuori che sarebbero contenti di condividere con noi la oro passione.

Pianificare prima di partire

Importante sarebbe prima di partire pianificare che tipo di foto vogliamo scattare Come affrontare la giornata in sicurezza

Abbiamo tanta pazienza? Siamo rispettosi della natura?

Pianificare la giornata e lo scatto che vogliamo realizzare


Viaggiare per fotografare gli animali è uno di quei compiti che ha bisogno una quantità incredibile di pianificazione e ricerca.

È necessario individuare i posti migliori dove fotografare gli animali, il momento migliore della giornata, le abitudini dei singoli animali, il tempi di viaggio da e verso quelle località, così come eventuali permessi per entrare nei parchi. È meglio svolgere queste attività con largo anticipo per evitare delusioni una volta raggiunto l’ingresso al parco.

Cercare l’ingresso giusto al Parco sembra semplice a dirlo, ma spesso non è così facile far combinare l’ingresso più vicino a noi, l’ora in cui trovare la luce migliore e la zona dove in quel momento si possono avvistare più animali liberi e in giro.


Questa è una parte molto importante di qualsiasi fotosafari e probabilmente meriterebbe un articolo a parte.
Scegliere la giusta attrezzatura per le tue escursioni naturalistiche è la chiave del tuo successo, soprattutto se non sei un esperto, e se non hai molta attrezzatura già nella borsa fotografica.
Molti fattori determineranno quali obiettivi e fotocamere devi portare con te.
Viaggerai principalmente in macchina?
In tal caso, potresti portare più di una fotocamera e teleobiettivi ingombranti e pesanti.
Stai andando in escursioni a piedi o in campeggio, e sarai costantemente in movimento alla ricerca di animali?
Se è così, allora forse dovrai limitarti a solo una fotocamera e un medio teleobiettivo da ridurre il tuo carico. Dovrai scegliere di portare un 70/200 magari rinunciando al grandangolo per i paesaggi.
C’è una possibilità per te di avvicinarti e personale con gli animali? In tal caso, portare un altro più corto lunghezza focale, come un obiettivo 24/70mm


Stai pensando di fotografare anche paesaggi? In tal caso, potrebbe essere necessario un obiettivo grandangolare.

Come puoi vedere, bisogna avere un piano di lavoro su dove e ciò che stai cercando di fotografare, è fondamentale determinare l’attrezzatura che dovresti mettere in valigia
Altre cose: di quante batterie hai bisogno? E l’abbigliamento è caldo? È comodo? È impermeabile?

Fotografare in viaggio.


Durante la guida intorno al Kruger in Sudafrica in una mattina di agosto, mi sono trovato faccia a faccia con questo iena che si stava semplicemente guardando da non più di 2 metri
Sono stato troppo sorpreso dal vederla subito alle 6 di mattina per optare una la scelta dell’obiettivo appropriato, impostazione della fotocamera, ecc. Ho appena scattato. Lo scatto, potrebbe non essere tecnicamente perfetto, ma al pelo siamo riusciti a fotografarla, ed è stata l’unica volta

Sempre in un Parco Nazionale in Sudafrica
qualche giorno dopo mi ha dato la possibilità di catturare
questo Leopardo che si nutre lungo una collina.ma avevo in quel momento una compatta e quindi la foto è molto croppata, in quanto i felini sono sempre molto lontani. Altre volte capita di averli a pochi metri dove addirittura il cellulare va bene.

Ma senza andare così lontano, anche a pochi chilometri da Torino si possono fotografare (e fare esercizio) le gru. Animali una volta emigravano, ora sono stanziali, Qui si apprezza l’uso di un 600 mm in quanto fotografarli da vicino non è mai semplice.

La ricerca può renderti consapevole di opportunità mentre viaggi

Y-17-1024x420 Quando non sei un fotografo naturalista.

Ora, se l’imaging della fauna selvatica è solo un hobby per te, e non sei un fotografo naturalista professionista o anche un aspirante fotografo naturalista, non avrai un super teleobiettivo nella tua borsa. E va benissimo. Qui è dove la preparazione è fondamentale.

Se sai che stai per andare da qualche parte dove ce la fauna selvatica, quindi è possibile noleggiare o prendere in prestito la giusta attrezzatura necessaria. Ci sono un certo numero di noleggio foto e aziende online;
Se affittare o prendere in prestito non è un’opzione, basta andare con l’aspettativa che userete ciò che avete e sfruttala al meglio.
Non aspettarti di avere un primo piano di un animale se non hai l’obiettivo giusto. O peggio ancora, p
avvicinarsi e infrangere le regole del parco nazionale o del safari per ottenere una fotografia! Potresti anche farti male provandolo! Un’altra opzione per ottenere scatti ravvicinati è utilizzare un duplicatore di focale “Tele convertitore”.
Sono generalmente meno costosi rispetto all’acquisto di una nuova
lente, raddoppiano la lunghezza focale di un obiettivo fisso non di uno zoom

Sicurezza in viaggio


Quando si fotografa la fauna selvatica, è molto importante tenere a mente la sicurezza. Non importa se sei in un safari con numerose altre persone, o in escursioni da soli in un parco nazionale.
Gli animali selvatici sono imprevedibili, e lo sarebbe lasciaci ricordare che quando saremo nel loro spazio. Dobbiamo essere rispettosi di ciò.
Regole e linee guida nelle aree selvagge sono lì per un motivo: la tua sicurezza e protezione, oltre a mantenere gli animali selvatici selvaggi! Assicurati di seguire queste regole in modo che tu, o altri intorno a te, non farti male o ferito.
Quando possibile, viaggiare in gruppo o almeno con un’altra persona. C’è sicurezza nei numeri e che può funzionare a tuo vantaggio.
Chiedi aiuto agli esperti che hanno compiuto il viaggio davanti a te, e ascolta il loro consiglio.
Fare un’escursione in un’area di nidificazione senza informarsi sulle abitudini della fauna non è cosa buona, potresti disturbare la loro cova.

Prenditi cura della tua attrezzatura, specialmente se sei fuori casa in luoghi remoti. Non devi essere disinteressato e rischiare il cattivo funzionamento dell’attrezzatura proprio quando ne hai bisogno.
Polvere e sporco sono difficili da pulire dalla tua attrezzatura quando sei fuori sul campo.

Praticare e …aver pazienza


La fotografia naturalistica, come la maggior parte degli altri generi, ha bisogno di molta pratica e un ancora maggior quantità di pazienza. I fotografi naturalisti possono trascorrere ore e ore se non giorni in attesa di ottenere lo scatto perfetto spesso in condizioni come il freddo, la pioggia e anche durante la notte aspettando la prima luce dell’alba. Aspettare in silenzio è la parola d’ordine. Poi mentre viaggi un Licaone ti attraversa la strada e …. la macchina foto era sul sedile dietro dentro la borsa!

Fare pratica è un po’ ‘più difficile da realizzare, a meno che non ti capiti di vivere vicino a parco nazionale o area faunistica.
Una buona alternativa potrebbe essere quella di spendere tempo allo zoo locale e provare a catturare fotografie di animali lì.
Lo zoo è un’alternativa a basso costo ai test della tua attrezzatura, oltre a sperimentare con le impostazioni della fotocamera prima di andare in quel costoso safari.


Chiedi a qualsiasi fotografo naturalista e ti diranno che il numero di foto che hanno di un animale ripreso da dietro è di gran lunga superiore al numero di immagini che hanno di fronte.
Avere un animale che guarda dritto alla telecamera! Perché? Questi sono animali selvaggi e si comportano in modo imprevedibile. Proprio quando pensi che sia il momento buono per scattare, si muovono. Una passeggiata in una riserva forestale locale è imprevedibile come un safari nella natura a volte!

Lascia un commento